MOMENT*orale sosp 8 bust 200 mg

7,90

Moment Sospensione Orale si usa nel trattamento dei dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali). Coadiuvante negli stati febbrili e influenzali.

Dettagli
Scheda Prodotto
Indicazioni terapeutiche

Moment Sospensione Orale Bustine Liquide si usa nel trattamento dei dolori di varia origine e natura

mal di testa
mal di denti
nevralgie
dolori osteo-articolari e muscolari
dolori mestruali
Moment Sospensione Orale aiuta anche a ridurre i sintomi degli stati febbrili e influenzali.
La sospensione orale in pratiche bustine liquide ha un doppio vantaggio

si può assumere senza acqua
ha un’azione rapida sul dolore
Moment Sospensione Orale è la soluzione ideale per contrastare velocemente il dolore anche quando si è fuori casa.

Posologia e Modalità d’uso

Moment si somministra secondo le seguenti dosi:

Adulti e ragazzi oltre i 12 anni: 1-2 bustine, 2-3 volte al giorno.
Prima dell’uso fare una leggera pressione sulla bustina e assumere il prodotto versandolo direttamente in bocca  senza bere acqua.

Il prodotto può essere assunto anche a stomaco vuoto.

Nei soggetti con problemi di tollerabilità gastrica si consiglia tuttavia di assumere il prodotto a stomaco pieno e di non superare la dose giornaliera raccomandata.

Controindicazioni
Non somministrare al di sotto dei 12 anni.
Gravidanza e allattamento.
Ipersensibilita’ al principio attivo, ad altri antireumatici (acido acetilsalicilico, ecc.) o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ulcera gastroduodenale attiva o grave o altre gastropatie.
Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o piu’ episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento).
Insufficienza epatica o renale grave.
Severa insufficienza cardiaca.
Avvertenze speciali

Usare cautela in quei pazienti la cui attivita’ richiede vigilanza nel caso essi notassero sonnolenza, vertigini o depressione durante la terapia con ibuprofene. L’uso del farmaco, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi e’ sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza. La somministrazione dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilita’ o che sono sottoposte a indagini sulla fertilita’. L’uso del medicinale deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della COX-2. in vendita online su www.tuttofarma.it

Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della piu’ bassa dose efficace per la piu’ breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e per trattamenti di lunga durata, puo’ essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (es. infarto del miocardio o ictus).

Gravidanza e allattamento

Gravidanza
L’inibizione della sintesi di prostaglandine puo’ interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l’uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidanza. Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno dell’1%, fino a circa l’1,5%.

E’ stato ritenuto che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre e post-impianto e di mortalita’ embrione-fetale. Inoltre, un aumento d’incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, e’ stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico.

Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a: tossicita’ cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare); disfunzione renale, che puo’ progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios; la madre e il neonato.
Alla fine della gravidanza, a: possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante che puo’ occorrere anche a dosi molto basse; inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio.

Scadenza e conservazione

Verificare la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza indicata sulla confezione si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. Conservare a temperatura inferiore a 25°C.

Attenzione
Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Composizione
Moment Compresse contiene:
Principio attivo: ibuprofene 200mg
Eccipienti: Saccarosio monopalminato, disodio edetato diidrato, prorpile paraindrossibenzoato, metile paraidrossibenzonato.

12 disponibili

Descrizione

Moment Sospensione Orale si usa nel trattamento dei dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali). Coadiuvante negli stati febbrili e influenzali.

Dettagli
Scheda Prodotto
Indicazioni terapeutiche

Moment Sospensione Orale Bustine Liquide si usa nel trattamento dei dolori di varia origine e natura

mal di testa
mal di denti
nevralgie
dolori osteo-articolari e muscolari
dolori mestruali
Moment Sospensione Orale aiuta anche a ridurre i sintomi degli stati febbrili e influenzali.
La sospensione orale in pratiche bustine liquide ha un doppio vantaggio

si può assumere senza acqua
ha un’azione rapida sul dolore
Moment Sospensione Orale è la soluzione ideale per contrastare velocemente il dolore anche quando si è fuori casa.

Posologia e Modalità d’uso

Moment si somministra secondo le seguenti dosi:

Adulti e ragazzi oltre i 12 anni: 1-2 bustine, 2-3 volte al giorno.
Prima dell’uso fare una leggera pressione sulla bustina e assumere il prodotto versandolo direttamente in bocca  senza bere acqua.

Il prodotto può essere assunto anche a stomaco vuoto.

Nei soggetti con problemi di tollerabilità gastrica si consiglia tuttavia di assumere il prodotto a stomaco pieno e di non superare la dose giornaliera raccomandata.

Controindicazioni
Non somministrare al di sotto dei 12 anni.
Gravidanza e allattamento.
Ipersensibilita’ al principio attivo, ad altri antireumatici (acido acetilsalicilico, ecc.) o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ulcera gastroduodenale attiva o grave o altre gastropatie.
Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o piu’ episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento).
Insufficienza epatica o renale grave.
Severa insufficienza cardiaca.
Avvertenze speciali

Usare cautela in quei pazienti la cui attivita’ richiede vigilanza nel caso essi notassero sonnolenza, vertigini o depressione durante la terapia con ibuprofene. L’uso del farmaco, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi e’ sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza. La somministrazione dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilita’ o che sono sottoposte a indagini sulla fertilita’. L’uso del medicinale deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della COX-2. in vendita online su www.tuttofarma.it

Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della piu’ bassa dose efficace per la piu’ breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e per trattamenti di lunga durata, puo’ essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (es. infarto del miocardio o ictus).

Gravidanza e allattamento

Gravidanza
L’inibizione della sintesi di prostaglandine puo’ interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l’uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidanza. Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno dell’1%, fino a circa l’1,5%.

E’ stato ritenuto che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre e post-impianto e di mortalita’ embrione-fetale. Inoltre, un aumento d’incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, e’ stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico.

Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a: tossicita’ cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare); disfunzione renale, che puo’ progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios; la madre e il neonato.
Alla fine della gravidanza, a: possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante che puo’ occorrere anche a dosi molto basse; inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio.

Scadenza e conservazione

Verificare la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza indicata sulla confezione si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. Conservare a temperatura inferiore a 25°C.

Attenzione
Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Composizione
Moment Compresse contiene:
Principio attivo: ibuprofene 200mg
Eccipienti: Saccarosio monopalminato, disodio edetato diidrato, prorpile paraindrossibenzoato, metile paraidrossibenzonato.